Quarantine diaries: What to watch now?

And the ”Quarantine diaries” project continues…

Last week I wrote about ”What to do” during this lock-down and I added to each particular activity a chilling atmosphere and a slower way to live your everyday life inside the house. Today, first I forgot that I have to write a blog- sorry, I’m so influenced from the chill way to live- and then I couldn’t find a subject. Finally, it came to me… What I do like a boss? What am I good at?

The answer is easy, I’m really good at watching movies, series, documentaries, all kinds of stuff that you can take the opportunity of the lock-down and watch now that you have plenty of time. So, for this week I decided to recommend you some TV series that you can start watching during this quarantine and who knows (?) maybe you’ll manage to finish them until the summer that maybe we’ll be out again.

*For the story, I decided to share with you some series and not movies simply because I prefer them. Usually I’m tired to stay and watch a whole movie and I’m falling asleep at the middle of it.

  1. When They See Us” (2019)

One of my personal favorites of all times. ”When They See Us” it’s a Netflix production -even though usually I don’t like Netflix productions- and it’s an American drama mini-series based on a true story.  It is based on events of the 1989 ”Central Park jogger case” and explores the lives and families of the five male suspects who were falsely accused then prosecuted on charges related to the rape and assault of a woman in Central Park, New York City. The five suspects were children of color that were wrongfully accused for a crime that they never did. The TV series is following the trials and the stories of each particular protagonist and it successfully makes you a part of the events. The ’80s atmosphere, the discrimination of people in color and the poverty of the American society of these times are visible and well displayed.

P.S: Grab some tissues if you easily get emotional and watch this masterpiece ASAP…

2. ”This is Us” (2016-…)

Ready for some family time? ”This is Us” it’s a diversity series even for its category, it’s a drama/ comedy family series. How is it possible, right? The story follows three siblings (known as the ”Big Three”), two brothers and one sister, all born in the same day. One of the most interesting parts of the series is the changing of the timeline once in a while; you see the protagonists in various ages and aspects of their lives. Each one of them has its own problems, joys and obstacles to overcome, but they are all connected with a family drama that follows them the most of their lives. The variety of the protagonists and the diversity of each particular life and story keeps your interest in high levels in every episode.

P.S: In this series you’ll find the best father figure ever played in TV. I love him!

3. ”Shameless” (2011-…)

**Providing this last -for today- TV series I wanted to highlight the difference between ”This is Us” and ”Shameless” and it has to do with the father figures. On the first one you see an emotional father figure, a made for family guy that loves his wife and its perfect in its own, realistic and particular way that makes you fall in love with him instantly. But in ”Shameless” you have a totally different person…

The series depicts the poor, dysfunctional family of Frank Gallagher, a single father raising six children. He spends his days drunk or in search of misadventures, and his children learn to take care of themselves. The show’s producers sought to distinguish this production from previous American working-class shows by highlighting how Frank’s alcoholism affects his family. Through the season of the series you’ll see the children growing up and changing while they’re becoming more responsible than their own father or sometimes irresponsible throwing the blame to the difficulty growing up in this family.

P.S: It might seems depressing as a concept, but the american black comedy atmosphere that follows the series is making everything more entertaining and realistic.

So, that’s it for this week, I might share with some more next week if I find a difficulty thinking of a different subject.

Danai, Greece

Humanitarian aid and Civil protection

European humanitarian values in action

The European Union provides assistance to countries and populations, both within Europe and abroad, when major disasters or humanitarian emergencies occur.

By EU Civil Protection and Humanitarian Aid

Together, the EU countries are the world’s leading donor of humanitarian aid, helping millions of people worldwide each year. This aid accounts for 1% of the EU’s total annual budget – around €4 per EU citizen.

EU action is guided by the principles of humanity, neutrality, impartiality and independence. Aid is channelled through 200+ international and local partner organisations and agencies, and supported by thousands of European volunteers.

Any European citizen or long-term resident in an EU Member State can take part to an EU aid volunteer programme.

Through the EU Civil Protection Mechanism, the EU, together with a number of other European countries, plays a key role in coordinating responses to crises in Europe and worldwide. Existing and potential crises are monitored around the clock and the participating countries also cooperate on risk assessment, disaster prevention preparedness and planning.

Emergency relief can take the form of items such as food, shelter or equipment, deployment of specially-equipped teams, or assessment and coordination by experts sent to the field. Relief teams, experts and equipment from participating countries are kept on standby to provide rapid EU responses all over the world.

Source

https://europa.eu/european-union/topics/humanitarian-aid-civil-protection_en (23.12.2019)

Distanziamento sociale… E geografico

Mi sono presa una pausa dalla scrittura durante l’ultimo periodo perché, inizialmente, sentivo di non avere grandi contributi da offrire a questa piccola comunità quale il blog di SE.M.I., se non altro perché le settimane appena trascorse non sono state caratterizzate da eventi degni di nota a livello personale, e data l’attuale situazione mondiale si potrebbe definire una grande fortuna. Senonché, con lo scorrere dei giorni, trasformatisi successivamente in lunghe settimane, stavo venendo costantemente bombardata da informazioni più o meno utili, ma comunque in quantità esorbitante. Mi sentivo sovrastare dagli eventi che, seppur ancora lontani da me, almeno da un punto di vista di percezione geografica, erano in realtà dietro l’angolo nella mia mente e nel mio cuore. Cosa si prova a vedere il proprio paese colpito, da un giorno all’altro, all’improvviso, da una pandemia? Come si sta a vivere all’estero, sapendo che i propri familiari e amici possono essere vittime del contagio se non altro per una questione di probabilità numerica? Di questo vorrei scrivere oggi, e condividere finalmente i miei pensieri e stati d’animo in quanto italiana in Grecia.

Come accennavo poco sopra, le informazioni e le notizie, i bollettini, i numeri, le foto, i post e le storie sui social hanno riempito le mie e credo le giornate di moltissime altre persone in questo periodo. Lungi da me quindi voler ricreare un quadro omogeneo della gravissima situazione che sta affliggendo oramai il mondo intero; il mio intento rimane quello di sempre, ovvero condividere le mie sensazioni in modo che, magari, chi stesse vivendo la medesima situazione e capitasse per caso su questo articolo, possa sentirsi meno solo nella drammaticità del momento.
undefined

Le nostre attività come volontari hanno continuato normalmente fino al 10 marzo, momento in cui il governo greco ha annunciato la messa in atto delle prime misure per il contenimento del COVID-19 chiudendo le scuole e i centri ricreativi per bambini, le palestre e annullando ogni pubblico evento con un numero consistente di persone. Fino a quel momento nessuno di noi avrebbe osato immaginare come la situazione si sarebbe evoluta nel prossimo futuro, io in primis, che parlando con le persone rimaste in Italia sentivo la forte convinzione che tutto questo sarebbe presto stato solo un lontano ricordo. Per di più, sarei dovuta tornare a casa per qualche giorno verso fine mese, e lo stato del volo rimaneva confermato, dunque non vedevo ancora motivo di preoccupazione. Ma gli eventi sono precipitati alla velocità della luce, come ben tutti sappiamo. Il numero crescente dei contagi e dei morti uniti alle misure sempre più restrittive per il paese stavano davvero apportando dei cambiamenti nelle vite di tutte le persone a me care, che mi riportavano giorno per giorno come vi fosse un clima di ansia crescente e di paura, per non dire di panico, ma al contempo la consapevolezza che se ognuno avesse contribuito con la sua parte attenendosi alle nuove regole, forse anche l’Italia ce l’avrebbe presto fatta a salvarsi dalla catastrofe. I giorni passavano e il conto delle vittime non faceva che aumentare, nel frattempo il mio volo era stato cancellato: ecco che ora le conseguenze di quella che di lì a poco sarebbe stata definita pandemia iniziava a toccare da vicino anche me. Giorno dopo giorno sentivo ripetutamente i racconti, quasi tutti uguali, di amici e parenti costretti a casa, della ricerca di nuovi modi per trascorrere il tempo tra le mura domestiche, il lavoro agile (il primo ministro Conte l’ha definito così e chi sono io per usare il termine inglese) e il timore di contrarre il virus o di contagiare gli altri. Per non parlare del sistema sanitario sull’orlo del collasso, gli ospedali sovraffollati, le gravissime conseguenze economiche per tutto il paese e i lavoratori e cittadini. E io? Cosa potevo fare di fronte a tutto ciò? Che strumenti avevo in mio potere, dall’estero, per aiutare le persone che affidavano a me i loro racconti di vita quotidiana all’interno di una situazione surreale? Iniziavo a sentirmi completamente impotente, questa volta davvero distante. Iniziavo anche io ad essere preoccupata, e da questi sentimenti si generava una frustrazione sempre crescente. Un’azione concreta che ho messo in atto quasi sin da subito è stata quella di restare a casa il più possibile nonostante qui in Grecia le misure fossero ancora lievi, e non mi venisse davvero richiesto l’isolamento forzato. Tuttavia lo sentivo un modo per dare il mio contributo a distanza, rimanendo cauta evitando che anche la Grecia si trovi di fronte a una crisi terribile. È stato anche un sistema per prendere confidenza con questa nuova situazione, passando più di una settimana quasi senza uscire di casa, fino all’annuncio del 22 marzo dell’inizio della quarantena in tutta la Grecia e la necessità di documenti atti a giustificare ogni spostamento.
undefined

Non nascondo di aver vissuto dei momenti di scoramento e preoccupazione, il desiderio di tornare a casa e riabbracciare la mia famiglia e i miei amici e la preoccupazione che persone a me vicine potessero ammalarsi. Ma poi il buon umore in qualche maniera torna a fare capolino, a dirci che se resistiamo insieme, anche a distanza, andrà tutto bene. Facciamo tutti del nostro meglio dunque, con l’augurio e la speranza che si torni alla normalità e che le distanze che ci separano siano davvero solo geografiche e non sociali.

Come sempre, a prestissimo

Federica

Health

Supporting public health in Europe

The EU complements national health policies by supporting local EU governments to achieve common objectives, pool resources and overcome shared challenges. In addition to formulating EU-wide laws and standards for health products and services, it also provides funding for health projects across the EU.

Created by Maria Boehling for opensource.com

EU health policy focuses on protecting and improving health, giving equal access to modern and efficient healthcare for all Europeans, and coordinating any serious health threats involving more than one EU country. Disease prevention and response play a big part in the EU’s public health focus. Prevention touches many areas such as vaccination, fighting antimicrobial resistance, actions against cancer and responsible food labelling.

By Tumisu

Two dedicated agencies support national governments on health issues. The European Centre for Disease Prevention & Control assesses and monitors emerging disease threats to coordinate responses. Meanwhile, the European Medicines Agency manages the scientific assessment of all EU medicines’ quality, safety and efficiency.

Source

https://europa.eu/european-union/topics/health_en (23.12.2019)

Foreign and Security Policy

European foreign and security policy

The EU’s joint foreign and security policy, designed to resolve conflicts and foster international understanding, is based on diplomacy and respect for international rules. Trade, humanitarian aid, and development cooperation also play an important role in the EU’s international role.

By EU Civil Protection and Humanitarian Aid

EU foreign and security policy seeks to:

* preserve peace

* strengthen international security

* promote international cooperation

* develop and consolidate democracy, the rule of law and respect for human rights & fundamental freedoms

The EU maintains partnerships with the world’s key players, including emerging powers and regional groups. It seeks to ensure that these relationships are based on mutual interests and benefits.

The EU has no standing army, so relies on ad hoc forces contributed by EU countries. The EU can send missions to the world’s trouble spots; to monitor and preserve law and order, participate in peacekeeping efforts or provide humanitarian aid to affected populations.

The External action service (EEAS) acts as the EU’s diplomatic service. A network of over 140 delegations and offices around the world promotes and protects the EU’s values and interests.

In foreign policy, the EU’s ultimate decision-making body is the European Council, which comprises EU country heads of state and governments. Most foreign and security policy decisions require the agreement of all EU countries.

Source

https://europa.eu/european-union/topics/foreign-security-policy_en (23.12.2019)

Environment

Towards a greener and more sustainable Europe

EU citizens benefit from some of the highest environmental standards in the world. The EU and national governments have set clear objectives to guide European environment policy until 2020 and a vision beyond that, of where to be by 2050, with the support of dedicated research programmes, legislation and funding:

* protect, conserve and enhance the EU’s natural capital

* turn the EU into a resource-efficient, green, and competitive low-carbon economy

* safeguard EU citizens from environment-related pressures and risks to health and wellbeing

U.S. Air Force illustration/Staff Sgt. Jamal D. Sutter

Work is ongoing on many fronts to protect the EU’s endangered species and natural areas, ensure safe drinking and bathing water improve air quality and waste management, and reduce the effects of harmful chemicals.

Northern muriqui (Brachyteles hypoxanthus), photo by Bart van Dorp

Environmental protection and innovation help to create new business and employment opportunities, which stimulate further investment. Green growth is at the heart of EU policy to ensure that Europe’s economic growth is environmentally sustainable. The EU also plays a key role in promoting sustainable development at a global level.

Source

https://europa.eu/european-union/topics/environment_en (23.12.2019)

Energy

Investing in a sustainable energy future for Europe

The EU is actively promoting Europe’s transition to a low-carbon society, and is updating its rules in order to facilitate the necessary private and public investment in the clean energy transition. This should not only be good for the planet, but also good for the economy and good for consumers.

The low carbon transition aims to create a sustainable energy sector which stimulates growth, innovation, and jobs whilst improving quality of life, increasing choice, reinforcing consumer rights, and ultimately providing savings in household bills.

A streamlined and coordinated EU approach ensures a genuinely continental impact in the fight against climate change. Moves to encourage renewables and improve energy efficiency are central to reducing Europe’s greenhouse gas emissions and meeting Paris Agreement commitments.

Through the European energy union, the EU is ensuring there is a greater coherence in all policy areas to meet the broad objectives of creating a reliable, affordable and sustainable energy system.

The EU also provides various funding opportunities and lending schemes to help companies and regions successfully implement energy projects.

On the international stage, the EU plays an important role, working together with other countries, regions and international organisations to tackle energy problems and ensure a reliable, competitive energy market within Europe.


Source

https://europa.eu/european-union/topics/energy_en (23.12.2019)

Non tutti i training escono col buco…

Eccomi di nuovo per far sentire la mia voce dall’altra parte del mare raccontandovi storie sulla mia vita come volontaria in Grecia. Quest’oggi ho deciso di condividere con voi la mia ultima esperienza durante il mid term training, ovvero quattro giorni spesi con altri volontari al fine di tirare le somme ognuno sul proprio progetto e la propria esperienza, confrontarsi con persone che stanno vivendo la stessa situazione e cercare delle soluzioni o la motivazione giusta per concludere al meglio quest’anno di volontariato europeo. O almeno così doveva essere in teoria.

La città d’incontro designata era Xanthi, situata a nord est del paese e vicinissima al confine con la Turchia. Inizialmente non avevo grandi aspettative rispetto a questo training, ma essendo di indole curiosa ero ad ogni modo entusiasta del fatto di poter allontanarmi per qualche giorno dalla mia routine e visitare un luogo nuovo dove non ero mai stata. La cittadina effettivamente si è rivelata molto gradevole, non troppo grande ma piena comunque di giovani, locali e una grande piazza dove si sono tenuti i festeggiamenti per il carnevale proprio nei giorni che ho speso lì. La prima sera, una volta riuniti tutti insieme con il trainer che avrebbe tenuto le attività per i giorni seguenti, dopo un brevissimo gioco per iniziare a conoscerci era già ora di cena, e così abbiamo goduto di un po’ di relax proseguendo la serata in centro e unendoci ad alcune feste volte a celebrare il Tsiknopempth, ovvero il giovedì del carnevale in cui è usanza grigliare carne, bere in compagnia e danzare mascherati. Nonostante fossimo rientrati in albergo quasi all’alba ero comunque motivata e curiosa per la mattinata che ci aspettava, speranzosa che avremmo davvero iniziato ad approfondire i temi legati al volontariato europeo e che avremmo avuto la possibilità di legare come gruppo insieme al nostro trainer.

undefined

Le mie speranze però hanno iniziato a scemare quando ho appreso che l’unica attività della mattina sarebbe consistita nel dividerci in gruppi e fare un tour della città scattando delle foto ai monumenti più importanti e cercare di chiacchierare con gli abitanti del posto. Nella mia testa suonava più come attività conclusiva, ma tant’è… Il mio stupore non ha fatto che crescere quando, ritrovatici nuovamente per discutere delle nostre impressioni su Xanthi e mostrare le foto scattate, il tempo scorreva senza che si accennasse a cambiare attività o a iniziare ad entrare nell’argomento ESC. Va bene che si trattava del primo vero e proprio giorno di training, ma avevamo a disposizione solamente quattro giorni, non mesi!
Al termine del pomeriggio speso quindi a guardare le foto scattate da tutti i volontari (ridete pure ma purtroppo è la verità), ci siamo appropinquati al tavolo del buffet per la cena, almeno il cibo è sempre una buona consolazione. La serata in seguito è stata piacevole come la precedente, e di nuovo con due o tre ore di sonno in corpo eravamo (circa) pronti per vedere cosa ci avrebbe atteso durante il secondo giorno.

undefined
undefined

Finalmente sembrava che si iniziasse a prospettare una giornata più proficua di quella precedente, ma evidentemente mi sbagliavo: abbiamo assistito a quella che credo sia stata la presentazione più noiosa e non ho timore di definire inutile della mia vita su quali saranno le prospettive future dopo il termine del volontariato; a tenere il discorso è stata una signora che aspira a diventare trainer e che per il momento accompagna i volontari durante questi progetti e sostiene il lavoro di quelli che trainer lo sono già. La cosa che mi ha lasciata più attonita è stata la lentezza e la poca spigliatezza di questa donna; io sicuramente non posso definirmi un’esperta, ma un formatore dovrebbe far ritrovare l’energia e la voglia di lavorare, non il contrario!

A seguito di quelle due ore che sono parse interminabili ci siamo risvegliati dal torpore con un gioco sul lavoro di squadra e successivamente abbiamo valutato entrambe le attività. Quello che proprio non mi tornava era come fosse possibile che non avessimo ancora discusso o menzionato il lavoro nelle nostre organizzazioni, le debolezze e le difficoltà, come trovare soluzioni a un problema. Arrivata alla fine del secondo giorno però ho deciso di rassegnarmi al fatto che questi formatori erano sicuramente delle belle persone, ma probabilmente non competenti come gli sarebbe stato richiesto.

Lungi da me annoiarvi ancora su ogni attività che (non) è stata svolta, vi basti sapere, nel complesso, che non ho trovato quei giorni spesi a Xanthi per niente utili, se non fosse per alcuni volontari conosciuti e con cui abbiamo sicuramente passato dei bei momenti e delle belle serate in compagnia a divertirci. Dal mio punto di vista, tuttavia, il senso di questi training dovrebbe proprio essere quello di aiutare i volontari a trovare soluzioni o condividere la propria esperienza in un ambiente neutro, lontano dai propri coordinatori o dal proprio ambiente in cui, a volte, potrebbero sentirsi giudicati. Il massimo che ho potuto fare è stato riportare le mie impressioni nel questionario valutativo, e mi auguro per il futuro che in qualche modo vi possano essere dei miglioramenti sulla qualità di queste attività, peraltro obbligatorie.

Sento a questo punto di dovere delle scuse ai temerari che sono arrivati fin qui con la lettura, ma mi auguro che questa testimonianza possa risultare utile a chi magari ha vissuto la stessa esperienza in un altro paese e che possa sentirsi meno solo.
Mi farò sentire presto con, spero, qualche storia più avvincente e positiva. Per ora, da Nea Moudania, è tutto!

Federica

Screen Shot 2020-03-10 at 14.23.14

1 anno di volontariato ESC in Grecia – da giugno 2020 – cercasi candidati italiani

1 anno di volontariato europeo con il nostro partner greco You in Europe.
Stiamo cercando un/una partecipante italiano per un progetto di volontariato internazionale (ex SVE, ora Solidarity Corps). Il progetto si svolge in Grecia (Nea Moudania, vicino a Salonicco… sì, sul mare!) presso il nostro ottimo partner You in Europe. Da giugno 2020 a maggio 2021. Tutto è gratuito per il volontario: il viaggio viene rimborsato, viene fornita una stanza singola in alloggio condiviso e un pocket money mensile.

Alloggio: i volontari alloggeranno in 2 appartamenti. Ogni appartamento ha 2 camere da letto, bagno, soggiorno, cucina. L’appartamento è attrezzato per soddisfare le esigenze di base del volontario.

Pasti: i volontari ricevono 120 euro di indennità mensile, che saranno spesi secondo la loro volontà. Possono cucinare nel loro alloggio. Paghetta: i volontari riceveranno una paghetta di 150 euro al mese per le loro spese personali.

Formazione: i volontari parteciperanno all’arrivo e alla formazione di medio termine, organizzata dall’Agenzia nazionale. Inoltre saranno formati per il loro lavoro.

SCARICA L’INFOPACK!

Instagram: https://www.instagram.com/you_in_europe/
Facebook: https://www.facebook.com/youineurope/

CALL sul portale European Solidarity Corps: https://europa.eu/youth/solidarity/placement/20160_en

Employment and social affairs

Employment and social affairs

Technological advances, globalisation and changing demographics continue to impact the ways Europeans live and work. The EU is actively developing policies and legislative proposals to meet these challenges.

U.S. Marine Corps Illustration by Cpl. Taylor W. Cooper/ Released

Through the European pillar of social rights, the EU works to safeguard the rights of citizens by ensuring:

* Equal opportunities and access to the labour market

* Fair working conditions

* Social protection and inclusion

EU funding helps public and private organisations implement and improve employment and social policy, and finance projects to support their citizens of today and tomorrow.

EU employment legislation guarantees minimum levels of protection that apply to everyone living and working in the EU. Specific EU rules also aim to make it easy for EU citizens to live and work in other EU countries, while protecting their social security rights, such as health insurance and benefits.

Source

https://europa.eu/european-union/topics/employment-social-affairs_en (23.12.2019)