Quarantine diaries: What to watch now?

And the ”Quarantine diaries” project continues…

Last week I wrote about ”What to do” during this lock-down and I added to each particular activity a chilling atmosphere and a slower way to live your everyday life inside the house. Today, first I forgot that I have to write a blog- sorry, I’m so influenced from the chill way to live- and then I couldn’t find a subject. Finally, it came to me… What I do like a boss? What am I good at?

The answer is easy, I’m really good at watching movies, series, documentaries, all kinds of stuff that you can take the opportunity of the lock-down and watch now that you have plenty of time. So, for this week I decided to recommend you some TV series that you can start watching during this quarantine and who knows (?) maybe you’ll manage to finish them until the summer that maybe we’ll be out again.

*For the story, I decided to share with you some series and not movies simply because I prefer them. Usually I’m tired to stay and watch a whole movie and I’m falling asleep at the middle of it.

  1. When They See Us” (2019)

One of my personal favorites of all times. ”When They See Us” it’s a Netflix production -even though usually I don’t like Netflix productions- and it’s an American drama mini-series based on a true story.  It is based on events of the 1989 ”Central Park jogger case” and explores the lives and families of the five male suspects who were falsely accused then prosecuted on charges related to the rape and assault of a woman in Central Park, New York City. The five suspects were children of color that were wrongfully accused for a crime that they never did. The TV series is following the trials and the stories of each particular protagonist and it successfully makes you a part of the events. The ’80s atmosphere, the discrimination of people in color and the poverty of the American society of these times are visible and well displayed.

P.S: Grab some tissues if you easily get emotional and watch this masterpiece ASAP…

2. ”This is Us” (2016-…)

Ready for some family time? ”This is Us” it’s a diversity series even for its category, it’s a drama/ comedy family series. How is it possible, right? The story follows three siblings (known as the ”Big Three”), two brothers and one sister, all born in the same day. One of the most interesting parts of the series is the changing of the timeline once in a while; you see the protagonists in various ages and aspects of their lives. Each one of them has its own problems, joys and obstacles to overcome, but they are all connected with a family drama that follows them the most of their lives. The variety of the protagonists and the diversity of each particular life and story keeps your interest in high levels in every episode.

P.S: In this series you’ll find the best father figure ever played in TV. I love him!

3. ”Shameless” (2011-…)

**Providing this last -for today- TV series I wanted to highlight the difference between ”This is Us” and ”Shameless” and it has to do with the father figures. On the first one you see an emotional father figure, a made for family guy that loves his wife and its perfect in its own, realistic and particular way that makes you fall in love with him instantly. But in ”Shameless” you have a totally different person…

The series depicts the poor, dysfunctional family of Frank Gallagher, a single father raising six children. He spends his days drunk or in search of misadventures, and his children learn to take care of themselves. The show’s producers sought to distinguish this production from previous American working-class shows by highlighting how Frank’s alcoholism affects his family. Through the season of the series you’ll see the children growing up and changing while they’re becoming more responsible than their own father or sometimes irresponsible throwing the blame to the difficulty growing up in this family.

P.S: It might seems depressing as a concept, but the american black comedy atmosphere that follows the series is making everything more entertaining and realistic.

So, that’s it for this week, I might share with some more next week if I find a difficulty thinking of a different subject.

Danai, Greece

Humanitarian aid and Civil protection

European humanitarian values in action

The European Union provides assistance to countries and populations, both within Europe and abroad, when major disasters or humanitarian emergencies occur.

By EU Civil Protection and Humanitarian Aid

Together, the EU countries are the world’s leading donor of humanitarian aid, helping millions of people worldwide each year. This aid accounts for 1% of the EU’s total annual budget – around €4 per EU citizen.

EU action is guided by the principles of humanity, neutrality, impartiality and independence. Aid is channelled through 200+ international and local partner organisations and agencies, and supported by thousands of European volunteers.

Any European citizen or long-term resident in an EU Member State can take part to an EU aid volunteer programme.

Through the EU Civil Protection Mechanism, the EU, together with a number of other European countries, plays a key role in coordinating responses to crises in Europe and worldwide. Existing and potential crises are monitored around the clock and the participating countries also cooperate on risk assessment, disaster prevention preparedness and planning.

Emergency relief can take the form of items such as food, shelter or equipment, deployment of specially-equipped teams, or assessment and coordination by experts sent to the field. Relief teams, experts and equipment from participating countries are kept on standby to provide rapid EU responses all over the world.

Source

https://europa.eu/european-union/topics/humanitarian-aid-civil-protection_en (23.12.2019)

Quarantine Diaries: And now what to do?

Hello, Hello again from the beautiful Faenza that I’m currently see only for the window of my room. Sounds a bit depressing isn’t it?

The truth is that the situation is depressing and boring and sometimes so frustrating, but you can’t do anything to change it. I mean you can do a lot and we all heard plenty of things that will help improve the current situation and all of them end up pretty much in the same way, ”I’m staying home”, ”Resto a casa” and ”Μένουμε σπίτι” -I had to write something in Greek after all this time-. So, we have to stay in and find new activities every day to do. Okay, to be honest there is no need to change activities every single day, but if there is anyone out there that is as much active as I am could understand that I need to change activities frequently because either I’m finishing everything really fast, either I’m getting bored after a while…

After almost a month in ”quarantine mode: ON” I arrived to one and only conclusion, you have to chill. Yes, it’s the only way, it’s easier and you have to do this. You can combine ”chilling” with plenty of activities, for example the well known ”Netflix’n’Chill” or ”Working’n’Chill” -recommended more for ESC volunteers all around Europe, that the work isn’t so much and not so obligatory-, ”Studying’n’Chill”- especially for university that even though the online courses have started still you don’t know how is gonna be this semester’s exams-, ”Eating’n’chill” -because all of us, guys, we eat a lot these days, so let’s just chill while eating so will metabolize it better” and last but not least ”Exercise’n’Chill”-because with the quarantine a new, profound love for gymnastics started, but if you’re like me that all my life I wanted to join the gym and I never did, you certainly have to chill and exercise otherwise next morning the only you could do is ”Bed’n’Chill”-.

In conclusion, Chill, Chill and Chill and everything would be all right!

As for me, I pretty much do these kinds of chilling that I gave as examples above. The first weeks I was hooked to Netflix and I was ready to finish it all. This was my first hint to start ”Chilling”. Now, I’m only watching Netflix after dinner and it works for me. Next activity is the association’s work that isn’t a lot, but it helps the time to pass. I’m currently working and elaborating with other volunteers to write an International Mobility project (Youth Exchange), I’m always thinking new stuff to add in our social media and I’m working on things that I want to implement after the lock-down -when I will feel the sun in my skin and I will dance in the rain like the influenced by movies girl I wound become-. After, I’m cooking and cleaning, but always in a chill mood because you really can’t cook all you fridge in one day and then need to go to the supermarket the next one and the same with cleaning, if you clean all the apartment once the next day you’ll have nothing to do. I also discovered Playstation lately and I can assure you that is a good way to spent some meaningless time. Last, I’m trying to study a bit for my exams, but in this case I was chilling before the lock-down and I’m still doing it -after all these years I grew up wiser and I realized that I’m a last minute kind of person regarding studying, so I’m respecting and loving my self, no need to push me-.

Currently chilling

My beloved readers -if you exist- I think we’re done for today. The lock-down lifestyle isn’t the fancier but it’s necessary. To avoid mental break-downs my advise as I told and retold above is to ”Chill”, in any case and with any activity of yours.

Until the next chilling time,

Danai, Greece

Distanziamento sociale… E geografico

Mi sono presa una pausa dalla scrittura durante l’ultimo periodo perché, inizialmente, sentivo di non avere grandi contributi da offrire a questa piccola comunità quale il blog di SE.M.I., se non altro perché le settimane appena trascorse non sono state caratterizzate da eventi degni di nota a livello personale, e data l’attuale situazione mondiale si potrebbe definire una grande fortuna. Senonché, con lo scorrere dei giorni, trasformatisi successivamente in lunghe settimane, stavo venendo costantemente bombardata da informazioni più o meno utili, ma comunque in quantità esorbitante. Mi sentivo sovrastare dagli eventi che, seppur ancora lontani da me, almeno da un punto di vista di percezione geografica, erano in realtà dietro l’angolo nella mia mente e nel mio cuore. Cosa si prova a vedere il proprio paese colpito, da un giorno all’altro, all’improvviso, da una pandemia? Come si sta a vivere all’estero, sapendo che i propri familiari e amici possono essere vittime del contagio se non altro per una questione di probabilità numerica? Di questo vorrei scrivere oggi, e condividere finalmente i miei pensieri e stati d’animo in quanto italiana in Grecia.

Come accennavo poco sopra, le informazioni e le notizie, i bollettini, i numeri, le foto, i post e le storie sui social hanno riempito le mie e credo le giornate di moltissime altre persone in questo periodo. Lungi da me quindi voler ricreare un quadro omogeneo della gravissima situazione che sta affliggendo oramai il mondo intero; il mio intento rimane quello di sempre, ovvero condividere le mie sensazioni in modo che, magari, chi stesse vivendo la medesima situazione e capitasse per caso su questo articolo, possa sentirsi meno solo nella drammaticità del momento.
undefined

Le nostre attività come volontari hanno continuato normalmente fino al 10 marzo, momento in cui il governo greco ha annunciato la messa in atto delle prime misure per il contenimento del COVID-19 chiudendo le scuole e i centri ricreativi per bambini, le palestre e annullando ogni pubblico evento con un numero consistente di persone. Fino a quel momento nessuno di noi avrebbe osato immaginare come la situazione si sarebbe evoluta nel prossimo futuro, io in primis, che parlando con le persone rimaste in Italia sentivo la forte convinzione che tutto questo sarebbe presto stato solo un lontano ricordo. Per di più, sarei dovuta tornare a casa per qualche giorno verso fine mese, e lo stato del volo rimaneva confermato, dunque non vedevo ancora motivo di preoccupazione. Ma gli eventi sono precipitati alla velocità della luce, come ben tutti sappiamo. Il numero crescente dei contagi e dei morti uniti alle misure sempre più restrittive per il paese stavano davvero apportando dei cambiamenti nelle vite di tutte le persone a me care, che mi riportavano giorno per giorno come vi fosse un clima di ansia crescente e di paura, per non dire di panico, ma al contempo la consapevolezza che se ognuno avesse contribuito con la sua parte attenendosi alle nuove regole, forse anche l’Italia ce l’avrebbe presto fatta a salvarsi dalla catastrofe. I giorni passavano e il conto delle vittime non faceva che aumentare, nel frattempo il mio volo era stato cancellato: ecco che ora le conseguenze di quella che di lì a poco sarebbe stata definita pandemia iniziava a toccare da vicino anche me. Giorno dopo giorno sentivo ripetutamente i racconti, quasi tutti uguali, di amici e parenti costretti a casa, della ricerca di nuovi modi per trascorrere il tempo tra le mura domestiche, il lavoro agile (il primo ministro Conte l’ha definito così e chi sono io per usare il termine inglese) e il timore di contrarre il virus o di contagiare gli altri. Per non parlare del sistema sanitario sull’orlo del collasso, gli ospedali sovraffollati, le gravissime conseguenze economiche per tutto il paese e i lavoratori e cittadini. E io? Cosa potevo fare di fronte a tutto ciò? Che strumenti avevo in mio potere, dall’estero, per aiutare le persone che affidavano a me i loro racconti di vita quotidiana all’interno di una situazione surreale? Iniziavo a sentirmi completamente impotente, questa volta davvero distante. Iniziavo anche io ad essere preoccupata, e da questi sentimenti si generava una frustrazione sempre crescente. Un’azione concreta che ho messo in atto quasi sin da subito è stata quella di restare a casa il più possibile nonostante qui in Grecia le misure fossero ancora lievi, e non mi venisse davvero richiesto l’isolamento forzato. Tuttavia lo sentivo un modo per dare il mio contributo a distanza, rimanendo cauta evitando che anche la Grecia si trovi di fronte a una crisi terribile. È stato anche un sistema per prendere confidenza con questa nuova situazione, passando più di una settimana quasi senza uscire di casa, fino all’annuncio del 22 marzo dell’inizio della quarantena in tutta la Grecia e la necessità di documenti atti a giustificare ogni spostamento.
undefined

Non nascondo di aver vissuto dei momenti di scoramento e preoccupazione, il desiderio di tornare a casa e riabbracciare la mia famiglia e i miei amici e la preoccupazione che persone a me vicine potessero ammalarsi. Ma poi il buon umore in qualche maniera torna a fare capolino, a dirci che se resistiamo insieme, anche a distanza, andrà tutto bene. Facciamo tutti del nostro meglio dunque, con l’augurio e la speranza che si torni alla normalità e che le distanze che ci separano siano davvero solo geografiche e non sociali.

Come sempre, a prestissimo

Federica

Health

Supporting public health in Europe

The EU complements national health policies by supporting local EU governments to achieve common objectives, pool resources and overcome shared challenges. In addition to formulating EU-wide laws and standards for health products and services, it also provides funding for health projects across the EU.

Created by Maria Boehling for opensource.com

EU health policy focuses on protecting and improving health, giving equal access to modern and efficient healthcare for all Europeans, and coordinating any serious health threats involving more than one EU country. Disease prevention and response play a big part in the EU’s public health focus. Prevention touches many areas such as vaccination, fighting antimicrobial resistance, actions against cancer and responsible food labelling.

By Tumisu

Two dedicated agencies support national governments on health issues. The European Centre for Disease Prevention & Control assesses and monitors emerging disease threats to coordinate responses. Meanwhile, the European Medicines Agency manages the scientific assessment of all EU medicines’ quality, safety and efficiency.

Source

https://europa.eu/european-union/topics/health_en (23.12.2019)

ESC experience, the Pandemic and some ”blue” thoughts…

The subject of this week’s article is pretty obvious and easy to think about it. CoronaVirus, Covid-19 or SARS-CoV-2 is the virus that influenced millions of people worldwide, killed a lot of them, closed borders and set the world in a Quarantine mood. I’m not going to give you general information about the virus, to present you the current situation or give you numbers of cases and deaths. I’m only here, blogging and speaking about my EVS experience in Italy as always…

So, I stayed… It’s over a month now that the situation in Italy became serious. First, the schools closed and with them our EVS activities that were pretty much related to schools and kids, as I described in my previous blogs. For around two weeks I had almost nothing to do and I had to stay in the house as much as possible. I can say that at this point I hadn’t really realized the seriousness of the situation; the numbers were still low and the people seemed cool, even though they were staying more at home and bars and restaurants weren’t so full as usual. At this point I had the chance to go back in Greece and spend some time in quarantine, but yet I would be with my family and it would be easier. I decided to stay in Faenza for several reasons, but the main one was that I didn’t want to risk get infected neither infect other people without even knowing it. Also, I didn’t know when this situation will end…

Supermarket reality the first days…

The next week the association start giving as activities to do from home and helping us to deal with the quarantine situation. I didn’t realize before now that it is really hard to live a global crisis like that so far from home and from people that you’re counting on. So, as you could easily understand I had my ”blue” moments, too. Actually the majority of the moments at this point are ”blue” given that each time that I open articles to see the numbers of cases always are bigger and bigger and you’re just feeling far and far from home.

Leaving a bit apart the plethora of thoughts that I have, I manage to feel better through work and activities that the organization gave me. I started some yoga lessons and I did workout from YouTube -like everybody at this point- and I tried to study a bit for my exams. Of course, the house like any other house in the world is cleaner that has ever been and I am cooking like crazy, because I’m running out of things to do in the house pretty easy.

Supermarket lines with 1 meter distance from each other

The latest lock-down found me in the position that I already was, it wasn’t for me a big surprise that we should stay home, we should stop going to the supermarket every day and we should be careful. The only change was that I stopped cooking so much and start a diet for the 5th or 6th time this year.

Reading again all these that I wrote above I just realized that I wasn’t funny at all at this new blog -eh, it doesn’t matter, we aren’t always funny.

Two of the reasons that I miss Greece…

I want to leave you with some food for though this time. I read a lot about solidarity, social awareness and new profound respects for human lives and I strongly believe that everybody should take a moment and think about all of these regarding what’s happening in the world and the new needs and issues that are created. Anyway, one of my results and I really want to spread the word about it, is to cancel 2020 and start using 2021, it will just take the stress out of my shoulders…

Until the next time-that I promise I will be funnier-,

Danai, Greece

“La percezione dell’altro ai tempi del Covid-19”

Mi sono fatta tante domande su come questo articolo potesse risultare il meno giudicante possibile. In un periodo in cui si sceglie di esprimere la propria opinione senza alcun freno o riflessione pregressa, il fatto di far sapere il mio punto di vista è diventato per me una cosa su cui andare molto cauta. Non per sfiducia nelle mie capacità di ragionamento, s’intende, quanto per la presa di coscienza di quanto a volte parlare di cose che non si conoscono o si conoscono appena, sia alquanto superfluo. Proprio per questo motivo, lungi da me esprimere delle verità assolute entrando in campi molto distanti da me, come la medicina, ad esempio. Il mio interesse verso lo studio e la comprensione del comportamento umano, sociale in particolare, mi ha sempre portato a riflettere su come l’uomo si rapporti alle diverse situazioni od ostacoli che incontra e, in un momento di caos e preoccupazione generale come quello che stiamo vivendo, non escludo possa essere molto utile a capire in che direzione stiamo andando. Se ci fate caso, tutte le cose più assurde della vita iniziano casualmente, sono cose che tendiamo inizialmente a sottovalutare. Se mi avessero detto che il coronavirus, ad esempio, avrebbe portato a dichiarare lo stato di “pandemia” avrei riso tanto da avere le lacrime.

Una delle cose maggiormente visibili è certamente legata agli effetti che la paura ha su di noi, una paura che, a volte, può liberare l’istinto in maniera distruttiva, talvolta irresponsabile. La paura legata all’altro, che innesca una caccia alle streghe, la tendenza a conoscere i nomi degli untori, di chi ci sta mettendo in pericolo è qualcosa assai lontana dalla nostra parte ragionevole. E’ una paura che si genera naturalmente quando un essere vivente viene messo “in cattività”. In uno dei libri più illuminanti che io abbia mai letto, “Il signore delle mosche” di William Golding, emerge come anche la creatura più pura, come un bambino, se messo in una condizione ostile, possa liberare i suoi lati più oscuri. La paura può accecare l’individuo con la stessa facilità con cui può renderlo totalmente disinteressato. La paura ignorata, di conseguenza, può portare alla tendenza ad un rifiuto nei confronti della situazione che stiamo vivendo.

Cinicamente, sto riflettendo molto sul fatto che il disinteresse da parte di una fetta di popolazione, che emerge ogni volta che decide di violare le norme restrittive contenute nel decreto attualmente in atto per bloccare il contagio del virus, non sia altro che il prodotto di un lungo processo di una malsana cultura all’individualismo tipica del nostro secolo. “Fino a quando non capita a me” è una frase che non viene detta esplicitamente ma è ormai insita nelle nostre menti e corrisponde al fatto che, oramai, un problema che capita dall’altra parte del mondo non sia un problema nostro. Gli incendi in Amazzonia, le persone che scappano da una guerra, l’inquinamento della plastica, lo smog, la terra dei fuochi ci appaiono problemi così distanti, fino a che qualcuno dei nostri cari non muoia di tumore o un terremoto non distrugga le nostre case. La percezione dell’altro, in un tempo buio come quello che stiamo vivendo, ci viene assai difficile semplicemente perchè non è più un problema nostro da un po’.

Oltre agli aspetti meno positivi su cui viene naturale riflettere, non posso far a meno di notare come la stessa condizione di paura possa portare a forme straordinarie di unione. Mai come in questo momento ho voglia di abbracciare le persone che stento ad abbracciare, non sprecare il mio tempo in cose inutili, godermi le passeggiate all’aperto. Forse mai come in questo momento mi sono sentita, oltretutto, orgogliosa del mio Paese che cerca di farcela in tutti i modi, di infermieri e medici che stanno dando un’anima ad una terra sulla quale avevo perso le speranze.

Come tutti gli esseri umani che si aggrappano a qualcosa per non soccombere, mi emoziono di fronte ad un volontario che si offre di fare la spesa per gli anziani rimasti soli, sorridendo di fronte a quell’Italia caotica che canta nei balconi dando speranza a se stessa e agli altri. Mi conforta sapere che il mio Paese abbia scelto di non sacrificare vite umane per denaro, mi conforta che dal principio non ci sia stata questa intenzione. Vi saluto con la speranza che questo incubo finisca presto e con l’augurio che tutto questo ci renda finalmente svegli.

Grazia

Foreign and Security Policy

European foreign and security policy

The EU’s joint foreign and security policy, designed to resolve conflicts and foster international understanding, is based on diplomacy and respect for international rules. Trade, humanitarian aid, and development cooperation also play an important role in the EU’s international role.

By EU Civil Protection and Humanitarian Aid

EU foreign and security policy seeks to:

* preserve peace

* strengthen international security

* promote international cooperation

* develop and consolidate democracy, the rule of law and respect for human rights & fundamental freedoms

The EU maintains partnerships with the world’s key players, including emerging powers and regional groups. It seeks to ensure that these relationships are based on mutual interests and benefits.

The EU has no standing army, so relies on ad hoc forces contributed by EU countries. The EU can send missions to the world’s trouble spots; to monitor and preserve law and order, participate in peacekeeping efforts or provide humanitarian aid to affected populations.

The External action service (EEAS) acts as the EU’s diplomatic service. A network of over 140 delegations and offices around the world promotes and protects the EU’s values and interests.

In foreign policy, the EU’s ultimate decision-making body is the European Council, which comprises EU country heads of state and governments. Most foreign and security policy decisions require the agreement of all EU countries.

Source

https://europa.eu/european-union/topics/foreign-security-policy_en (23.12.2019)

Environment

Towards a greener and more sustainable Europe

EU citizens benefit from some of the highest environmental standards in the world. The EU and national governments have set clear objectives to guide European environment policy until 2020 and a vision beyond that, of where to be by 2050, with the support of dedicated research programmes, legislation and funding:

* protect, conserve and enhance the EU’s natural capital

* turn the EU into a resource-efficient, green, and competitive low-carbon economy

* safeguard EU citizens from environment-related pressures and risks to health and wellbeing

U.S. Air Force illustration/Staff Sgt. Jamal D. Sutter

Work is ongoing on many fronts to protect the EU’s endangered species and natural areas, ensure safe drinking and bathing water improve air quality and waste management, and reduce the effects of harmful chemicals.

Northern muriqui (Brachyteles hypoxanthus), photo by Bart van Dorp

Environmental protection and innovation help to create new business and employment opportunities, which stimulate further investment. Green growth is at the heart of EU policy to ensure that Europe’s economic growth is environmentally sustainable. The EU also plays a key role in promoting sustainable development at a global level.

Source

https://europa.eu/european-union/topics/environment_en (23.12.2019)

La bambina georgiana

Qualcuno dice che viaggiare sia il modo più efficace per vivere molte vite. Vi posso assicurare che lo è. Da sempre è il mezzo che uso per fregare il tempo, dilatarlo, renderlo più denso. Quando decidi di uscire dalla famosa “zona di comfort” la vita ti cambia. La mia, ad esempio, ha iniziato a prendere la forma che avevo immaginato da bambina. Oggi vi racconto di un mio viaggio, un viaggio fatto di persone, paesaggi, atmosfere, idee, cibi, culture diverse che ho lasciato entrare e che conservo ancora in casseforti che ogni tanto decido di riaprire, proprio come adesso. Il viaggio di cui vi parlo oggi è frutto di uno di quei sì detti all’ultimo minuto. A Febbraio dell’anno scorso sono partita per il mio primo Erasmus +, un progetto europeo che mi ha portato in Romania per un’intera settimana. E’ stata da subito una scommessa che sapevo di poter vincere. Quando decidi di scommettere con te stessa difficilmente prendi in considerazione di perdere sul serio, in qualche modo sai che ti rimarrà quel coraggio sfacciato d’esserti andata contro, o incontro. Tutti i viaggi ci regalano qualcosa, a me questo viaggio ha dato tanto; tra tutte le cose, un momento che ho deciso di raccontare. Vorrei poter rendere il momento di cui sto per parlarvi in tutta la sua pienezza. So che non ci riuscirò, ma ho comunque deciso di darmi una chance.

Ricordo come fosse ieri quel pomeriggio di Febbraio. C’era neve ovunque e una calma a cui ripenso ogni volta che mi concedo un respiro più lungo degli altri. Avevo trovato una persona rara in quel pezzo dimenticato di mondo, una di quelle con cui ti ritrovi a condividere quegli scorci di vita irregolari, quelle che arrivano come le cose che non avevi chiesto. Era come conoscerla da un tempo molto più lungo di quello che abbiamo avuto, era come sapere già che ci saremmo incontrate. Avevo trovato una di quelle persone che senti come casa tua, una di quelle persone che sorridono con occhi e bocca. Ne ebbi la certezza quando, in quella panchina al freddo, ci ritrovammo a parlare di tutto, di religione, politica, famiglia, dei nostri progetti futuri. Le nostre differenze ci tennero sedute lì per un po’. tra una parola e l’altra finimmo col parlare della sua infanzia, un’infanzia assai diversa dalla mia.

Gura Humorului – Romania

Consapevoli che quel momento non sarebbe tornato, decidemmo di viverlo con una sacralità che non si è ancora persa. Mi ritrovai ad ascoltare una storia che non sembrava vera davanti ad un caffè, in mezzo alla neve, nel nord della Romania. Fin da subito, rimasi colpita da quello sguardo fiero, uno sguardo che non doveva forzare un’umiltà che gli era da sempre appartenuta. Aveva gli occhi di chi aveva vissuto molti anni con un coraggio ammirevole, a volte senza neanche saperlo. Il sole di metà pomeriggio forse non bastava a scaldarci in mezzo a quel gelo di fine inverno, ma noi tenevamo le mani ben salde alle nostre tazze bollenti. Mentre parlava, immaginavo quello scenario triste e, a tratti, pieno di meraviglia, quello di un’infanzia che mai avrei potuto immaginare.

Quando la Georgia era in mano ad un regime, Mariam era solo una bambina. Nei primi anni Novanta, subito dopo la dissoluzione dell’Unione Sovietica, la Georgia attraversò un periodo di conflitti interni ed estrema povertà; il regime aveva lasciato il Paese al lastrico, l’economia era inesistente, le risorse alimentari insufficienti, la gente lavorava per due Laris (la moneta georgiana, corrispondente a 32 centesimi di euro) al mese. Il Paese era governato da “Ladri legalizzati”, persone che detenevano il potere abusivamente avendo anche la libertà di commettere crimini senza essere sottoposti a nessun controllo. “Le persone avevano paura di uscire di notte, perchè se lo facevi, c’erano alte possibilità che tu venissi aggredito. Raramente la gente portava con sé oggetti di valore e se lo faceva, stava attenta a nasconderli meglio che poteva. I criminali non avevano paura di strappare orecchini o borse alla gente. Non c’era polizia, la maggior parte era altamente corrotta e, per dirla tutta, collaborava con i “Ladri legalizzati”. A quei tempi la gente cercava in tutti i modi di sopravvivere.” Fu così che Mariam iniziò, e fu così che iniziai ad entrare in questa storia. “Non c’era elettricità, né gas, a volte neanche acqua. Usavamo una stufa a legna per riscaldarci in inverno e c’era un’ora in cui toglievano la luce e la gente cercava di sbrigare le faccende prima che ciò accadesse. Avevamo la tv ma l’accendevamo raramente, seguivamo le notizie alla radio e leggendo i giornali. Gli inverni erano molto duri da affrontare, dovevi preparare la legna durante l’estate per non passare un inverno al freddo.” Tra una frase e l’altra provavo una tale ammirazione che a tratti diventava vergogna, me ne stavo completamente in silenzio ripensando a tutto quello che avevo avuto io. Somigliava ad un romanzo di Dickens, in cui si racconta di una povertà semplice, in cui i bambini giocano accettando la miseria come qualcosa che non hanno scelto ma che riescono comunque a portare in spalla. Aggrottavo la fronte ai particolari più assurdi e la distendevo tutte le volte che provavo ammirazione. A tratti toccavo con mano quello che stavo ascoltando. Non mi ero mai resa conto di quanto un evento per me straordinario potesse rappresentare la vita di tutti i giorni. Non lo dissi ad alta voce, ma ripensai a tutte le volte in cui mi lamentavo quando andava via la corrente e i miei apparecchi elettronici smettevano di funzionare per cinque minuti. Mi sentii piccolissima, la persona meno coraggiosa del mondo. Pensavo di aver dovuto portare il peso di molte cose, non avevo sopportato nulla in confronto ad una guerra in atto. Non mi ero mai trovata sotto un regime, non sapevo che aria avrei respirato, come sarei stata, forse la mia parte rivoluzionaria sarebbe venuta sù meglio di così.

Nonostante il clima presente in Georgia, la gente cercava di condurre una vita normale. Mariam andava a scuola, al parco giochi, con una tale naturalezza mi disse che, essendo piccola, non sentiva il peso della sua condizione. Pensava a giocare, a stare fuori casa più tempo che poteva. Forse mi colpì proprio quella naturalezza, quella leggerezza con cui mi raccontava la povertà. Mi raccontò un aneddoto che mi lasciò a bocca aperta, perchè io cose del genere le avevo viste solo nei film. “Durante l’inverno, quando le giornate erano più corte, era molto difficile finire i compiti prima del tramonto, quindi continuavo a studiare aiutandomi con la luce di una candela. Tutti gli inverni della mia infanzia sono collegati alla luce di una candela, perchè era l’unica risorsa che avevamo per far fronte alla mancanza di elettricità.” Capirete che, cose del genere non si sentono tutti i giorni.

Le chiesi cosa provasse, cosa fossero stati per lei quegli anni. “Oggi, quando io ed i miei amici ci guardiamo indietro diciamo sempre “bui e dolci anni 90”, perchè sono stati esattamente così. Furono bui in tutti i sensi ma anche dolci, perchè, d’altra parte, avevamo relazioni più vere e più strette con la gente, giocavo con gli altri bambini per strada durante l’estate e posso dire che la mia infanzia è stata bella, nonostante tutte le cose che stavano accadendo nel mio Paese. Furono dei tempi terribili, ma per un bambino che voleva solo giocare con i suoi amici, che voleva stare per strada o giocare in cortile, fu fantastico. Quando mi guardo indietro non vedo tempi bui, li guardo ancora con gli occhi di quella bambina di 6 anni che amava uscire fuori a giocare.

Io e Mariam siamo amiche da un anno, quel viaggio e quella panchina ci hanno dato qualcosa che conserviamo ancora come un regalo che qualcuno ha deciso di farci.

Alla mia amica Mariam, alla bambina georgiana.

Grazia